Gas a temperatura controllata nei forni metallurgici

Le moderne tecnologie di produzione nel settore metallurgico, richiedono l’impiego di gas particolari come l’argon.

La necessità è relativa all’ottenimento di strutture cristalline stabili e definite, in modo che il prodotto finito consegua le caratteristiche meccaniche e fisiche attese.

Lo sviluppo di queste tecnologie prosegue senza soste e si è notato come anche un corretto e predeterminato livello termico, influisca sull’ottenimento del risultato richiesto.

In conseguenza di ciò, sempre più spesso realizziamo sistemi che prevedono l’impiego di scambiatori a piastre saldobrasati, abbinati a centraline di termoregolazione, per termoregolare il gas che viene iniettato nei forni di produzione metallurgici.

Le caratteristiche richieste alle centraline sono:

  • precisione del set point impostato
  • rapidità di raggiungimento delle condizioni di lavoro (il gas attraversa lo scambiatore once trough)
  • costanza del mantenimento delle condizioni di lavoro anche al variare delle portate del gas

Gli scambiatori devono ottemperare alle seguenti necessità:

  • resistenza alle pressioni elevate (fino a 100 bar)
  • inerzia termica praticamente inesistente
  • possibilità di lavorare con ampio range di temperatura ed elevati salti termici

In entrambi i componenti abbiamo raggiunto le specifiche richieste da clienti finali e costruttori di impianti, garantendo le performance richieste.

Il tutto calato in ambienti industriali ed installato a differenti latitudini, che ci impegnano in un costante e continuo affinamento e verifica dei componenti per poterli adeguare alle condizioni di lavoro effettive.

Lo scambiatore pur essendo una componente passiva del sistema, è il punto cruciale del funzionamento del sistema. L’impiego di scambiatori a piastre realizzati per alte pressioni, consente di ottenere i risultati richiesti.